In questo articolo

Pratiche citate

Assegno Unico Universale

Come funziona l’Assegno Unico: domande e risposte

Come funziona l’assegno unico? Un articolo per spiegare questo incentivo in base alle domande più frequenti che ci sono arrivate

Come ormai sappiamo tutti l’Assegno Unico e Universale è un incentivo che ha sostituito quasi tutti i benefit e i bonus riservati a chi ha figli a carico.

Dal 1° marzo 2022 infatti bonus nascita, bonus bebè e assegni familiari sono stati rimpiazzati da questo nuovo strumento varato dal governo, con l’obiettivo di semplificare l’accesso alle agevolazioni dei cittadini.

Vediamo come funziona l’assegno unico rispondendo alle domande più frequenti degli utenti!

Chi ha diritto all’Assegno Unico?

Hanno diritto all’Assegno Unico e Universale tutti i genitori con figli a carico di età non superiore ai 21 anni.

L’assegno viene erogato quindi sia a lavoratori dipendenti che a lavoratori autonomi (a differenza degli assegni familiari).

L’assegno viene riconosciuto anche ai genitori disoccupati.

Devono presentare la domanda entrambi i genitori?

La domanda può essere presentata solamente da 1 genitore. La cifra dell’assegno sarà corrisposta al 50% ad entrambi i genitori a meno che il richiedente, accordandosi con l’altro genitori, non specifichi nella richiesta di voler corrisposto il 100% dell’importo.

Qual è l’importo che viene corrisposto?

Come abbiamo visto all’interno di questo articolo, il calcolo dell’assegno unico tiene conto del numero di figli e dell’attestazione ISEE, se è presente.

L’INPS ha messo a disposizione uno strumento gratuito per calcolare l’importo mensile dell’assegno.

Come funziona la richiesta per l’Assegno Unico?

La richiesta per l’Assegno Unico e Universale può essere fatta online, sul sito dell’INPS, su Pratiche Amiche, oppure fisicamente presso CAF e Patronati.

Per richiedere l’assegno è necessario presentare documenti d’identità e codice fiscale di entrambi coniugi e dei figli a carico e l’attestazione ISEE in corso di validità.

Presentare l’ISEE non è obbligatorio, visto che l’assegno viene erogato a prescindere dalla situazione economica del nucleo familiare. Però come detto nel paragrafo precedente per calcolare l’importo dell’assegno viene considerato appunto l’ISEE.

Di conseguenza, nel caso in cui si faccia richieste senza presentare l’attestazione ISEE, verrà erogato l’importo minimo di 50€ per ogni figlio a carico.

Se hai altre domande, leggi le nostre FAQ

Abbiamo cercato di rispondere alle domande più frequenti e le abbiamo raccolte all’interno delle nostre FAQ!

Clicca qui se non hai trovato ancora le risposte che cercavi!

30 Dicembre 2022
Lucrezia

Share on

Un sito di I Consultant S.R.L.
Via dell’Industria, 10
50056 – Montelupo Fiorentino
P.Iva 07052810483
Tel. +39 333 2374920
Email: ask@praticheamiche.it
www.iconsultant.it
Termini e condizioni di vendita
Privacy e Cookie Policy

Resta aggiornato

La piattaforma PRATICHE AMICHE di I Consultant S.R.L. è affiliata ad un Consulente del Lavoro (tramite contratto regolarmente redatto), che può elaborare le pratiche poiché regolarmente Iscritto all'Albo dei Consulenti del Lavoro.

Resta aggiornato

Social Network

Un sito di I Consultant S.R.L.
Via dell’Industria, 10
50056 – Montelupo Fiorentino
P.Iva 07052810483
Tel. +39 333 2374920
Email: ask@praticheamiche.it
www.iconsultant.it
Termini e condizioni di vendita
Privacy e Cookie Policy

La piattaforma PRATICHE AMICHE di I Consultant S.R.L. è affiliata ad un Consulente del Lavoro (tramite contratto regolarmente redatto), che può elaborare le pratiche poiché regolarmente Iscritto all'Albo dei Consulenti del Lavoro.

L'Assegno Unico,
 online e in 5 
minuti